Newsletter, un aiuto per la comunicazione delle aziende

scritto da Fabio

La fidelizzazione del cliente allo stato attuale del mercato è diventato uno dei punti fondamentali per qualsiasi azienda, non solamente per chi ha un negozio o un e-commerce. Offrire ai propri contatti tutte le ultime informazioni o tenerli aggiornati circa i prodotti e i servizi che più interessano è sicuramente un buon modo per far sì che chi è stato nostro cliente continui ad esserlo. Come abbiamo sempre detto, a fianco ad un buon sito internet, che sia facile da navigare sia in versione desktop sia dai sempre più utilizzati smartphone e tablet, ci deve essere un'altrettanto efficace strategia di comunicazione integrata; non solamente testi di sito/brochure scritti bene, ma anche piani editoriali chiari ed intriganti sui social network e l'utilizzo di una newsletter efficiente e che crei interesse.

Una delle principali piattaforme che consentono di gestire in modo professionale la comunicazione verso i propri clienti è MailUp, che nell'ultimo anno ha vissuto un periodo di vera e propria grazia incrementando notevolmente il proprio fatturato e il proprio bacino di utenza: al 30 giugno 2014 il valore della produzione era in crescita al +25% rispetto al 30 giugno 2013 (al 30 settembre 2014 del +27% rispetto all'anno prima), mentre il fatturato di dicembre (738.000 euro) ha visto un incremento del 31% rispetto al mese precedente

Ma cosa sono questi strumenti? Di fatto sono delle piattaforme digitali di cloud computing che permettono di creare, inviare e monitorare attraverso statistiche dettagliate newsletter, email e sms. Uno strumento divenuto nel tempo sempre più semplice da utilizzare, con la possibilità di personalizzare le proprie newsletter e di raggiungere il target di utenti prefissato in maniera quasi scientifica.

Perché questo strumento è diventato sempre più utile lo spiega il CEO di MailUp, Nazzareno Gorni:

"L’email marketing offre ad aziende e professionisti nuove soluzioni e strumenti automatici per creare una relazione digitale rilevante con i propri clienti, trasformandoli in preziosi ambassador. La sempre più stretta integrazione inoltre tra le strategie social e quelle email consente di rafforzare entrambi i canali, stimolando l’interazione su social media, facendo re-targeting con le custom audience oppure comunicando via email a chi non viene raggiunto via social."

Ma attenzione, perché come dicevamo prima le newsletter sembrano una cosa semplicissima da fare, ma nascondono in realtà parecchie insidie e devono essere inserite in un contesto di comunicazione aziendale globale, per non rischiare di trovarsi ad inviare delle mail che portano a dis-iscrizioni o che vengono etichettate come spam. Proprio per questo motivo è necessario appoggiarsi ad uno studio che possa consigliare quale sia la migliore strategia da seguire dopo aver analizzato il mercato di riferimento, il tipo di prodotto venduto e ovviamente anche gli eventuali report statistici piuttosto dettagliati che questi strumenti di mail marketing permettono di avere.

Photo