Periscope modifica il modo di comunicare

scritto da Fabio

La “lotta” tra i social network continua a colpi di miglioramenti tecnici, nuove funzioni (spesso copiate proprio dagli avversari), acquisizioni di altre app o social da integrare: commentare, condividere foto e video sono le cose più gettonate dagli utenti e le varie migliorie che stanno facendo i grossi squali del mondo social sono indirizzate proprio a questo. Non stupisce quindi che la nuova applicazione acquisita da Twitter sia stata Periscope, l'app che serve a trasmettere in diretta una ripresa fatta con il proprio smartphone e che consente a tutti di guardare il mondo attraverso la fotocamera di altri utenti.

Oltre ad essere scaricata Periscope deve essere associata ad un account Twitter, così da essere riconosciuti e poter trasmettere ai propri followers (oltre a ricevere suggerimenti e notifiche quando qualcuno fa partire una diretta). Il software permette di connettersi a live broadcasting da tutto il mondo ed ha avuto enorme successo da subito per la capacità di modificare il modo di comunicare attraverso i social network, mettendo in comunicazione diretta persone da ogni angolo del Pianeta. L'opzione a disposizione di ogni stream di notificare ai followers l'inizio delle dirette rende ancora più semplice la fruizione dei video e dei live mentre il sistema collaudato di like e chat permette anche l'interazione tra utenti.

Come detto il successo è stato immediato, tanto che nel weekend d'esordio i link alle dirette condivisi sui social hanno sfiorato quota 100mila e in pochi giorni Periscope è entrata nella classifica delle prime cento applicazioni gratuite dell’App store (per ora è disponibile solo per iOS e non per Android). La sua utilità, ad ogni modo, oltre che essere di intrattenimento e principalmente ludica potrebbe trasformarsi in informativa (e utile) in caso di calamità naturali o altri eventi gravi che possono però interessare anche a chi vive a chilometri di distanza.

Photo