Youtube apre alla televisione… la sua!

scritto da Fabio

Una crescita continua. Dal 14 febbraio 2005 ad oggi YouTube non ha visto periodi troppo complessi o di crisi, con un aumento dei visitatori costante, che ha portato la piattaforma per guardare video al secondo posto nella classifica di siti più visitati con 20.5 miliardi di visite (secondo lo studio effettuato da Vodien). L’esplosione del mondo mobile, poi, ha permesso all’azienda di proprietà di Google di aumentare ancora di più i propri numeri, tanto che complessivamente ogni giorno su YouTube sono più di 1 miliardo le ore di video visualizzate, pari circa a 100 mila anni.

Il nuovo progetto al lavoro già da qualche anno era quello di proporsi come una piattaforma complementare o alternativa alla televisione. Con l’apertura di YouTube TV il grande passo è stato fatto: si tratta di un servizio di streaming che permetterà di vedere una serie di canali televisivi in seguito a degli accordi con le media company (per ora disponibile solamente negli Stati Uniti) e che promette di rivoluzionare non poco il mondo della televisione.
In primis per gli inserzionisti che potrebbero trovare in Youtube TV un’alternativa grazie al modello che punta alla valorizzazione di contenuti di qualità (come ad esempio il programma Google Preferred che consente di pianificare pubblicità in modo particolarmente targetizzato).

Potrebbero essere tanti i brand interessati ad intercettare quelle fasce di utenti difficili da raggiungere sul piccolo schermo.
Ed i numeri parlano chiaro: un utente su due accede a YouTube tutti i giorni, il 23% degli utenti tra 25 e 44 anni guardano più spesso YouTube della televisione e tra chi guarda la TV per meno di 3 ore al giorno i numeri aumentano ancora, diventando 2 su 3 le persone che usano quotidianamente la piattaforma.

Una crescita costante dicevamo, grazie anche ad una grande apertura alle novità e alla voglia di migliorarsi e migliorare, per attirare nuovi utenti e nuovi inserzionisti mettendosi spesso al servizio sia degli uni che degli altri.

Photo