Youtube uno strumento per le aziende? Sì, ma attenzione alla strategia

scritto da Fabio

Gli indizi che suggeriscono che il futuro del web stia andando sempre più verso un dominio dei video sono tantissimi e sempre più imponenti: l'avvento dei canali TV in streaming (l'esplosione Mondiale di Netflix è sotto gli occhi di tutti) e delle SmartTV stanno portando i video online direttamente nelle TV di casa e YouTube è sicuramente il personaggio principale di questa esplosione.

Secondo i dati ufficiali proprio del Social Network, il numero di ore che le persone trascorrono a guardare video aumenta del 60% su base annua, mentre il numero di persone da marzo 2014 cresce del 40% all'anno. YouTube ha oltre un miliardo di utenti, quasi un terzo di tutti gli utenti su Internet, è navigabile in 76 lingue diverse e sui dispositivi mobili la sessione media di visualizzazione è addirittura di oltre 40 minuti (+50% dall'anno scorso).

Questi dati dovrebbero bastare per far capire l'importanza di questo social network anche per le aziende che vogliono aumentare la loro Brand awarness; la strategia da adottare e il modo più corretto per aprire e gestire il proprio canale però è il punto principale da affrontare: cosa si vuole ottenere e soprattutto in che modo? YouTube infatti non è solamente un social dove postare dei video e ottenere commenti, mi piace e condivisioni, ma è un vero e proprio motore di ricerca sempre più utilizzato.

Come detto quindi avere le idee chiare è il primo punto fondamentale, senza dimenticare ovviamente che YouTube e i suoi "videospettatori" premiano soprattutto i contenuti di qualità. Poi è altrettanto importante avere un piano editoriale ben preciso, per mantenere coerenza e soprattutto costanza, senza rischiare che l'apertura del canale sia un passo a sè stante e che pian piano venga dimenticato. Ma Content is king quindi agli utenti bisogna offrire un servizio oltre a delle emozioni, per questo i video più "interessanti" per le aziende sono i video tutorial o video di approfondimento di qualche argomento.

Le potenzialità di YouTube sono davvero molte perché i video possono suscitare interesse anche nei blogger e negli influencer che possono diventare testimonial e aumentare la diffusione dei vostri video in modo virale. Bisogna solo trovate l'idea giusta e rivolgersi a chi lo fa per professione, così i risultati, prima o poi, arriveranno.

Photo