Un cambio culturale per dare forma al cambiamento.

scritto da Marco

Ogni giorno mi ritrovo al fianco di aziende con un potenziale enorme. Aziende che hanno un business che funziona, o che fino ad oggi ha sempre funzionato bene.
È indubbio che lavoro in un territorio ricco, e per “ricco” intendo sopratutto a livello imprenditoriale, fatto di eccellenza produttiva. Nella produzione infatti c’e volontà di investire (macchinari, tecnologie) e molte volte si cerca in tutti i modi di far diventare la propria azienda migliore rispetto agli altri player, o quantomeno a quelli conosciuti.

A mio avviso però, eccellenza è anche saper comunicare il prodotto, saperlo raccontare, saper trovare le persone giuste a cui proporlo. La questione non è tecnica o tecnologica, non è economica. Ma è una questione di cultura. Comunicare è importante tanto quando avere un ottimo reparto produzione, un ottima logistica, un ottimo customer care. Ne più, ne meno.

Tornare a credere nel marketing, quello “buono” fatto di verità, pensato all’interno di un piano strategico funzionale a obiettivi precisi, quello operativo e non fatto di sola consulenza, che generi valore. L’imprenditore non deve sapere come costruire una campagna su Google, o conoscere il codice del proprio sito web, ma deve accettare che il momento impone un cambio culturale. Deve crederci, e provare a guardare le cose da un altro punto di vista per innovare, per dare forma al cambiamento.

Photo